Addebitare bollette e RID

Addebitare bollette e RID

Uno dei servizi maggiormente utilizzati dai correntisti italiani è l’addebito delle utenze domestiche e delle disposizioni automatiche sul proprio rapporto di conto corrente. Ma vediamo con ordine quali sono i vantaggi, e in che modo è possibile optare per tali possibilità.

Vantaggi bollette e rid sul c/c

I vantaggi tipicamente riconducibili ai servizi di addebito periodico delle bollette e dei RID sul proprio conto corrente sono due. Il primo è legato alla comodità, in quanto i prelevamenti sul conto avverranno senza alcuno sforzo per il correntista e senza necessità di dover disporre l’autorizzazione all’operazione per ogni addebito. Il secondo vantaggio è di tipo economico, ed è legato alla forte riduzione delle commissioni sulle domiciliazioni. Molto spesso, infatti, le bollette addebitate in maniera continuativa sul conto corrente vengono pagate senza l’onere della commissione (pari solitamente a 1 o 2 euro), con conseguente risparmio immediato per il cliente.

Come addebitare le bollette

Per addebitare le bollette è possibile procedere in due modi, a seconda delle abitudini imposte dall’istituto di credito. E’ innanzitutto possibile recarsi nella propria filiale, compilare un modulo per l’addebito automatico della propria utenza domestica (presentando una copia della bolletta che si vorrà domiciliare) e attendere la prima scadenza per verificare la corretta impostazione dell’operazione. Viceversa, è anche possibile richiedere all’azienda erogante il servizio di procedere a disporre periodicamente l’addebito dei successivi importi mensili o bimestrali: l’azienda erogante invierà una richiesta telematica all’istituto di credito che confermerà o meno (previa verifica con il correntista) la proposta della compagnia di servizio.

Come addebitare il RID

Contrariamente a quanto avviene per le bollette, nei RID è solitamente il creditore a richiedere l’autorizzazione all’addebito periodico sul conto corrente del correntista. Le modalità di conferma dell’attivazione del servizio sono tuttavia similari a quelle della bolletta.

E se non ho soldi sul conto?

Bollette e RID, se regolarmente “agganciati” al conto corrente attraverso le operazioni di autorizzazione di cui sopra, vengono addebitati nel giorno della scadenza sul rapporto bancario. Tuttavia la banca ha a disposizione qualche giorno lavorativo successivo per “stornare” l’operazione. In tale breve periodo di tempo (solitamente uno o due giorni) la banca verifica la consistenza del saldo del conto, riscontrando o meno la possibilità di procedere all’addebito.

Related Posts