Assicurazione moto sospendibile, opinioni e informazioni su come richiederla

L’assicurazione moto sospendibile

Per chi possiede una moto o uno scooter che viene utilizzato solo per pochi giorni all’anno o solo per un periodo limitato, le compagnie assicurative hanno pensato a una polizza sospendibile, detta anche bloccabile. Una polizza che, come dice il nome, può essere – appunto – sospesa, e che quindi consente di pagare una somma corrispondente all’utilizzo effettivo.

Sono in molti, per esempio, i motociclisti che tengono la propria due ruote nel box durante i mesi più freddi per poi sfoderarla e utilizzarla in estate: in quel caso, pagare l’assicurazione per tutto l’anno sarebbe inutile, un dispendio economico eccessivo e quasi beffardo, specialmente in un momento di crisi economica. Ecco, dunque, che intervengono le polizze moto sospendibili, evidentemente meno costose rispetto alle coperture annuali standard.

Si tratta, come si può notare, di un sistema assicurativo al tempo stesso pratico e innovativo, che rivela la propria comodità anche perché può essere sospeso e riattivato più di una volta: occorre, comunque, verificare le condizioni stabilite dal contratto, perché ogni compagnia può specificare il numero di sospensioni e di riattivazioni che si possono effettuare.

Non solo: è bene verificare anche se la riattivazione ha un costo. Nella maggior parte dei casi, le polizze sospendibili sono consigliabili con le compagnie assicurative online, che si caratterizzano per procedure più snelle e rapide e meno vincolate agli orari di ufficio. La sospensione può durare da un minimo di 30 giorni a un massimo di un anno; solitamente, trascorsi 12 mesi senza alcuna riattivazione, il contratto scade, e di conseguenza per assicurare nuovamente la propria moto non sarà più sufficiente chiedere la riattivazione della polizza ma sarà necessario sottoscrivere un nuovo contratto.

Va tenuto conto, per altro, che il contratto stipulato viene prolungato a seconda della durata della sospensione: ciò vuol dire che l’assicurazione ha una scadenza prorogata in funzione dei giorni della sospensione. Insomma, un contratto di questo tipo non dura un anno ma qualche mese in più.

L’assicurazione moto sospendibile, dunque, costituisce un vantaggio economico non indifferente, e rappresenta solo una delle opportunità a disposizione di chi vuole assicurare la propria moto o il proprio scooter per un periodo di tempo limitato: in alcuni casi, infatti, le compagnie offrono addirittura polizze valide per un solo week-end o per un solo giorno.

Le polizze giornaliere servono, per esempio, a chi deve portare la moto in un posto preciso (per esempio dal meccanico per la revisione, oppure a farla rottamare) e non dispone di una copertura completa; quelle per il week-end, ovviamente, hanno finalità più “leggere”. Tra l’altro, se vengono richieste online queste polizze possono essere attivate molto velocemente, anche poche ore prima della loro entrata in vigore: naturalmente, è opportuno in qualsiasi caso inviare alle compagnie tutta la documentazione necessaria (relativa sia all’intestatario della polizza che al mezzo che deve essere assicurato).

Tra le tante proposte a disposizione in questo senso vale la pena di citare Moto Free, che è la polizza sospendibile offerta da Genialloyd: non prevede nessun costo di riattivazione e può essere sospesa per un periodo non inferiore ai 30 giorni.