Conto online o tradizionale?

Conti online e conti tradizionali

La disputa tra i conti tradizionali e i conti online prosegue senza sosta, con una decisa prevalenza dei secondi rispetto ai primi: convenienza economica, praticità, risparmio di tempo e sempre maggiore sicurezza sembrano infatti costituire le basi del vantaggio offerto dai conti virtuali rispetto al tradizionale rapporto bancario, che rischia – in mancanza di innovazioni – di diventare rapidamente obsoleto.

Conti online: cosa hanno in piu rispetto ai conti tradizionali?

Ciò che costituisce il punto di forza dei conti on line è la loro convenienza. Mentre sui conti tradizionali il tasso creditore è pari a un minimo trascurabile, e, al contrario, spesso i canoni sono piuttosto esosi rispetto ai servizi offerti, i conti virtuali si pongono come rapporti a bassissimo costo con dei rendimenti piuttosto interessanti e competitivi.

Questa duplice convenienza in termini di redditività e costo ha provocato un rapido spostamento del parco clienti bancario con esigenze finanziarie di medio – basso livello verso i conti onlinw, in grado di remunerare le giacenze su livelli molto spesso simili a quelli dei titoli di Stato a breve termine.

Conti online: cosa hanno di uguale ai conti tradizionali?

Così come nel caso dei conti “tradizionali” offerti dalle banche fisicamente presenti sul territorio, i conti online dispongono di una serie di servizi in grado di soddisfare le necessità bancarie e finanziarie della maggior parte della clientela.

Oltre alla registrazione delle scritture sul conto, sul quale è spesso possibile accreditare bonifici (mentre per alcuni prodotti di conto rimane l’impossibilità di effettuare dei versamenti di assegni), il conto online prevede una gamma di servizi transazionali di pagamento in grado di permettere una ampia fruibilità del servizio presso i circuiti bancomat e di carte di credito.

Molto spesso, inoltre, contrariamente a quanto succede con gran parte dei conti tradizionali, questi strumenti sono concessi gratuitamente e senza la previsione di commissioni per operazione, che vadano a pesare sul correntista.

Conti online: cosa hanno in meno rispetto ai conti tradizionali?

Ciò di cui il conto online è sprovvisto è proprio ciò che ha apparentemente costituito per tanto tempo un suo punto di forza: il contatto fisico con la filiale. Fino a quanto va tutto bene, in altri termini, il conto online sembra poter garantire vita lunga alla virtualità della relazione tra banca e cliente.

Quando però vi è necessità di spiegazioni o chiarimenti, allora il conto online mostra spesso delle gravi pecche. Non tutti i servizi di comunicazione a distanza tramite e-mail e telefono risultano infatti all’altezza delle aspettative, con la conseguenza che la clientela con esigenze finanziarie di livello medio – elevato non riesce ancora oggi a fare a meno della consulenza offerta dal “vecchio” bancario in filiale.

Conti online e conti di deposito

Attenzione infine a non confondere un vero e proprio conto corrente online con un conto di deposito, spesso ad alta remunerazione. Il primo è un rapporto similare al conto tradizionalmente offerto dalla banca sotto casa. Il secondo è un salvadanaio con tassi maggiori e possibilità minori in termini di servizi.

Related Posts