Fido Bancario

Conto Corrente con Fido Bancario.

Nel caso siete in possesso di un conto corrente, potrebbe essere necessario per voi un’ apertura di conto corrente, che può essere caratterizzata da un fido bancario.

Abbiamo parlato più volte nel nostro sito del fido bancario, che rappresenta una somma (affidamento) che viene messa a disposizione del cliente dall’ istituto di credito per eventuali esigenze e bisogno di soldi.

Per il cliente occorre valutare in modo molto attento la necessità di aprire un fido bancario, per svariati motivi che adesso vi andremo ad elencare.

Innanzitutto il fido bancario ha dei costi superiori rispetto alle tradizionali aperture di credito come può essere la commissione di massimo scoperto o un semplice prestito.

In ogni caso il fido bancario è molto più flessibile in quanto il cliente può tramite un semplice versamento mettere i soldi in qualunque momento e rientrare del debito.

Nel complesso dunque il fido bancario è più veloce e semplice di altre forme di debito in un conto corrente, ma generalmente più costoso.

Al momento dell’ accensione di un conto corrente, valutate le vostre necessità e dunque scegliete attentamente se avete bisogno o meno di un fido bancario.

Che cos’è il fido bancario.

Tra i maggiori strumenti di credito utilizzati dalle aziende (soprattutto dal target piccole e medie imprese) nonchè dai cittadini privati, ne esiste uno molto utilizzato, ma decisamente rischioso:il fido bancario.

Come funziona il fido bancario? E’ semplice, è una linea di credito tradizionale aperta dall’istituto di credito che prevede l’apertura di un conto corrente e l ‘erogazione di una somma di denaro (fido) che può essere utilizzata dall’impresa.

La peculiarità del fido bancario è il fatto che essa non è rappresentata da un rimborso costante delle rate (ciò è caratterizzato invece dal prestito o mutuo chirografario).

Il fido bancario è talvolta sostituito dal castelletto salvo buon fine, che serve principalmente per scontare e accettare cambiali e assegni di terzi,dunque ricevere pagamenti da terze persone per il correntista.

Tassi e Consigli sul fido bancario.

I tassi d’interessi del fido bancario sono generalmente più alti di quelli di un normale mutuo chirografario e sono comprensivi di molte voci, come ad esempio il tasso extrafido, la commissione di massimo scoperto e le spese per riga.

Il fido bancario è consigliato alle piccole e medie imprese che si trovano in momentanee difficoltà economiche e che dunque si trovano in una situazione passeggera di debito.

Dunque il fido è una linea di credito a breve termine, per finanziamenti lunghi è sicuramente consigliato un mutuo chirografario per i minori tassi d’interesse e soprattutto per una pianificazione attenta e imprenditoriale del credito.

Fido bancario come funziona.

Il fido bancario è equiparabile ad un vero e proprio mutuo o prestito da parte della banca. Funziona in questa maniera: la banca concede una linea di credito, che il cliente non rimborserà mensilmente, ma a scadenza.

Il fido bancario ha infatti una scadenza, oltre la quale può essere revocato dall’ istituto di credito.

Il fido è dunque denominato a revoca, la banca invierà all’ intestatario del fido e del conto corrente una comunicazione via posta raccomandata tramite la quale dirà di aver revocato il fido e di pretendere il pagamento dello sconfino e della linea di credito entro una determinata data.

Il fido bancario è uno strumento molto utile per le imprese e per i cittadini, ma è anche una modalità di pagamento molto pericolosa e sicuramente non vantaggiosa a causa degli altissimi tassi d’interesse proposti dagli istituti di credito.